Scopri le Alpi Apuane e l'epica natura selvaggia dell'Appennino Toscano a piedi con una guida locale in piccolo gruppo in questa esclusiva vacanza escursionistica in Toscana. 

Un gioiello nascosto: splendidi boschi di faggio, cime ariose, creste macchiate di neve, villaggi caratteristici, buon cibo e alloggi meravigliosi. Una idilliaca fattoria toscana, una gemma nascosta della Garfagnana, immersa in una valle che offre una gamma di spettacolari escursioni, antiche tradizioni, sapori favolosi e rinomata ospitalità.

Tutte le nostre escursioni giornaliere sono percorsi circolari su una notevole varietà di terreni e progettati sia per gli escursionisti esperti che per gli escursionisti alle prime armi con un senso di avventura. Poiché utilizziamo guide locali pienamente qualificate che hanno una conoscenza complessa dell'area, possiamo variare l'itinerario per soddisfare le esigenze del gruppo o per tener conto delle condizioni meteorologiche. Mantenendo i gruppi piccoli, con un rapporto tra 1 Tour leader e 8 clienti, possiamo offrire un'eccezionale cura e attenzione a ogni individuo.

G1 - Arrivo al Col di Lavacchio

Arrivo all’agriturismo. Ti invitiamo a unirti a noi sulla terrazza per un aperitivo (incluso), l’occasione ideale per parlare della settimana di escursioni.

Una cena a lume di candela viene servita nell'accogliente sala da pranzo tra oggetti d'antiquariato e dipinti ad olio. Nelle serate calde, invece, mangeremo sulla terrazza coperta di vite con vista sulla valle del Serchio e sulle montagne circostanti.

Pasti: cena

G2 - “Montagna dei fiori selvatici” - Monte Croce (Alpi Apuane)

Cima: 1314 m | Salita: 580 m | Distanza 9 km, 5 ore

Dal remoto villaggio alpino di Palagnana seguiamo la mulattiera di ciottoli attraverso i boschi di faggi fino a Foce delle Porchette. Una breve sosta per il caffè in questa sella, che offre una vista sensazionale delle cave di marmo che punteggiano le colline costiere di Carrara. Una semplice scalata nella gola calcarea di Le Scalette ci vede emergere sul pascolo montuoso tappezzato in primavera con fiori selvatici. Piccolo sforzo finale per raggiungere la vetta. Una meritata sosta per il pranzo offre viste spettacolari sulla catena del Pania e sull'Appennino. La leggera discesa attraverso faggi e castagni prima delle frazioni di Pioppo dà il tempo agli aneddoti e ai racconti della guida. Una pausa nel borgo medievale di Fabbriche di Vallico per visitare il vecchio mulino di castagne è un'opzione che avremo durante il rientro. Un tuffo rigenerante in piscina prima di cena.

Pasti: colazione, pranzo, cena

G3 - “Cammina con gli dei” - Monte Giovo (Appennino)

Cima: 1991 m | Salita: 930 m | Distanza 12,5 km, 6,5 ore

Mentre attraversiamo la valle del Serchio lungo le pendici dell'Appennino, l'enormità di questa catena montuosa diventa evidente. Cominciamo la nostra passeggiata a 1300m, riscaldandoci con una ripida salita attraverso i boschi di faggi per emergere sugli alti prati e poi al passo La Porticciola per un caffè. La cresta verso la cima si apre davanti a noi e nelle splendide valli glaciali dell'Emilia Romagna dove Annibale si accampò con i suoi elefanti. Al Passo Boccaia svoltiamo bruscamente su una ripida cresta con le acque blu del Lago Santo sotto di noi. Miti abbondano su questo lago e la guida ci farà vivere a fondo questa esperienza con i suoi racconti fino alla vetta. Qui, i panorami delle Alpi Apuane, dell'arcipelago toscano e persino della Corsica sono impressionanti. Scendiamo su una larga dorsale, godendoci l'esplosione di sapore delle bacche di mirtilli prima di riprendere il sentiero della foresta verso la nostra auto. Una pausa a Barga per un'escursione attraverso strade eleganti, sorseggiando una birra artigianale o assaporando un favoloso gelato è la ricompensa per una giornata impegnativa sulla collina.

Cena: serata a base di pizza con condimenti a sorpresa preparati sulla terrazza dell'agriturismo.

Pasti: colazione, pranzo, cena

G4 - "Danza con il diavolo" - Monte Forato (Alpi Apuane)

Cima: 1301 m | Salita: 855 m | Distanza 10 km, 6,5 ore

Dal tipico villaggio italiano di Fornovolasco prendiamo le strade di ciottoli, prima di unirci al sentiero dei vecchi pellegrini attraverso i boschi verso la costa. Una salita costante ci porta oltre le grotte e le rovine spettrali degli ostelli medievali fino al passo di Foce di Petrosciana. Ci gusteremo un pausa caffè accompagnato da viste mozzafiato sulla torre di roccia del Monte Procinto e delle montagne fino al Mediterraneo. Una breve scalata ci vede seguire la cresta fino all'enorme arco di pietra calcarea sotto la cima del Monte Forato: posto spettacolare per fotografare prima di una breve salita fino alla cima stessa per il pranzo accompagnato da racconti di storie di gesta diaboliche. Dopo il nostro picnic continuiamo lungo la cresta su gradini di pietra calcarea fino a Foce di Vagli, lungo il pendio del lato sud della Pania del Croce. La nostra discesa ci porta attraverso i prati e la foresta e di nuovo a Fornovolasco. Una nuotata nel fiume Turrite che scorre veloce ci rinfrescherà prima di un drink nell'ostello Mori Vito.

La cena sarà accompagnata da una degustazione alla cieca di vini delle colline lucchesi.

Pasti: colazione, pranzo, cena

G5 - “Riposa la tua anima stanca” – Col di Lavacchio

Oggi hai una giornata libera per goderti gli splendidi giardini di Lavacchio, rilassarti a bordo piscina e riposare le gambe o fare una gita nella capitale della provincia. La città murata medievale di Lucca è assolutamente sbalorditiva ed è il luogo ideale per rilassarsi. È la città natale di Puccini e il museo che documenta la sua vita merita sicuramente una visita. Un taxi gratuito per la stazione ferroviaria sarà offerto al mattino con un servizio di ritorno nel tardo pomeriggio. Il massaggio è disponibile anche perché abbiamo un'eccellente massaggiatrice locale che può venire all’agriturismo.

Di sera, è possibile preparare un pasto in agriturismo o al ristorante locale, Il Sassone di Fobbia.

Pasti: colazione

G6 - "amanti e pastori" - Pania di Corfino (Appennino)

Cima: 1603 m | Salita: 786 m | Distanza 12 km, 5 ore

Un viaggio nel cuore della "foresta incantata" della Garfagnana mostra il paesaggio di piccole fattorie e rivela l'estensione del bosco che dà il nome alla valle. Iniziamo a camminare attraverso l'alta città alpina di Corfino prima di salire la mulattiera di ciottoli attraverso castagni e faggi. A questo punto scendiamo dal sentiero e saliamo sull'ampia cresta della scarpata del Corfino ammirando viste sensazionali della catena ovest delle Apuane. Il vertice stesso offre splendide viste a 360° ed è un luogo perfetto per il pranzo. Scendiamo attraverso l'alpeggio, passiamo il Rifugio Granaiola e poi attraverso i "boschi di funghi" fino al vecchio villaggio di pastori di Campaiana. Il sentiero di ciottoli ci porta alla Fonte Del'Amore (chi può resistere a un sorso da questa magica sorgente?) E poi lungo la gola del Sassorosso, tenendo d'occhio le aquile che nidificano sopra. La vecchia mulattiera ci riporta a Corfino dove possiamo fermarci per un drink o un meritato gelato. C'è tempo per una sosta nella sensazionale città fortificata del 13° secolo di Castiglione di Garfagnana per una passeggiata attraverso le strade splendidamente mantenute.

La cena è a Barga (8 km). Avremo tempo per esplorare questa splendida cittadina collinare prima di cena in una trattoria tradizionale.

Pasti: colazione, pranzo

G7 - "La regina" - Pania della Croce (Alpi Apuane)

Cima: 1858 m | Salita: 940 m | Distanza 11,5 km, 7 ore

La "Regina delle Apuane" è la montagna che si eleva sopra Lavacchio e può essere vista dalle pianure di Lucca e Pisa e dalla costa, ed è un finale appropriato per chiudere la settimana in bellezza. Dopo un breve trasferimento fino a Piglionico (1100 m) ci sono molte opzioni sulla Pania, dal principale "percorso turistico" preso dalla maggior parte degli escursionisti, al percorso che potremmo scegliere: una traversata intorno al nord della montagna ci regala splendide viste sul Monte Rovaio, teatro di una brutale battaglia del 1944 tra le forze tedesche e la brigata partigiana locale. Emergendo dai boschi vediamo scorci allettanti dell'imponente cima sopra e ci fermiamo per un caffè alla Foce di Mosceta per raccogliere le nostre forze. Il sentiero di ritorno sul lato ovest della Pania rivela favolose vedute della catasta di rocce, il monte Procinto e del mare. Raggiungendo la cresta ci viene mostrata una vista che sbalordisce ispirando i prati verso Pania Secca e oltre verso l'Appennino. Una graduale salita e una passeggiata in cresta fino alla cima mostra le dimensioni di questa maestosa cima con vista sulle cave di marmo sopra Carrara, il Golfo di La Spezia e la Corsica. La discesa attraverso il ghiaione Canale d'Inferno richiede cautela ma è spesso alleviata da avvistamenti di mufloni e pecore selvatiche. Ci fermiamo brevemente al Rifugio Rossi prima di scendere sulla pista dei pastori attraverso le formazioni calcaree carsiche e un breve trasferimento a Lavacchio.

L'ultima cena celebra i successi della settimana, la scoperta di una terra senza tempo e nuovi amici trovati.

Pasti: colazione, pranzo, cena

G8 - Partenza

Rientro a casa dopo aver vissuto una settimana di esplorazione che ha rivelato il lato più selvaggio delle montagne della Toscana.

Pasti: colazione

Prezzi per persona 2020/2021

Quota iscrizione e assicurazione: 50,00€

Con auto propria:

Base 2 partecipanti: 995,00 €
Base 3 partecipanti: 970,00 €
Base 4 partecipanti: 800,00 €

Supplemento singola: 235,00 €

 

Date di viaggio

La quota comprende
5 escursioni guidate con guida ambientale
Sistemazione in doppia
7 colazioni
5 pranzi al sacco
5 cene con 3 portate e vino incluso
1 trasferimento a Lucca per il giorno libero o wine tasting in una fattoria con 6 vini locali
Assicurazione medico-bagaglio fino a 10.000€

La quota non comprende
Trasferimenti ai punti di partenza delle escursioni
Tutti i pasti non espressamente indicati come inclusi
Facchinaggio
Mance e spese personali
Tutto quanto non espressamente indicato ne "la quota comprende"

Assicurazione annullamento viaggio:
È possibile sottoscrivere un'assicurazione che copra la mancata partenza per cause gravi e imprevedibili al momento della stipula. Il costo è pari al 3,80 % dell'intera quota di partecipazione al viaggio.